Malattie della tiroide e delle altre ghiandole endocrine

Quando sospettarle, come trattarle e come semplificare la vita del paziente.

Le ghiandole endocrine e le cellule del sistema neuroendocrino diffuso secernono una serie di sostanze, dette ormoni, capaci di influenzare il funzionamento di moltissimi organi ed apparati e come conseguenza di numerosissime funzioni del nostro organismo. Pertanto ogni alterazione, sia in eccesso che in difetto, di tali secrezioni può dare origine a delle patologie che possono manifestarsi con i sintomi ed i segni più disparati e non è infrequente che vengano scoperte solo dopo molti anni dalla loro comparsa.

I sintomi di presentazione possono essere completamente differenti a seconda dell’ormone interessato ed a seconda che si tratti di eccesso o diminuzione della secrezione possono produrre manifestazioni cliniche opposte. Tra i più frequenti possono essere presenti uno solo o più dei seguenti sintomi: dimagrimento oppure eccessivo incremento ponderale, ipertensione od ipotensione, tachicardia, sudorazione, tremori, disturbi della digestione, stipsi oppure diarrea, alterazioni del ciclo mestruale, infertilità, disturbi della crescita, acne, irsutismo od ipertricosi (incremento della peluria nella donna), perdita di capelli, alterazioni della sfera sessuale, calcoli renali, fratture, incremento della frequenza del bisogno di urinare, anche di notte, continuo stimolo della sete o della fame, variazione della pigmentazione della pelle, alterazioni del tono dell’umore, della capacità di concentrarsi, sonnolenza, astenia, debolezza e molti altri.

Come è comprensibile questi disturbi possono comportare importanti alterazioni della qualità di vita e nei casi più gravi mettere a repentaglio la vita stessa del paziente. 

Diviene pertanto cruciale, in caso di nuova comparsa o di persistenza anche di uno solo dei sintomi citati, giungere ad una diagnosi corretta dopo una valutazione endocrinologica. Tale necessità si pone come ancora più urgente in particolari condizioni come la gravidanza, l’età avanzata, pediatrica od adolescenziale dove un danno irreversibile potrebbe verificarsi più precocemente.

 

Come si trattano?

Una volta posta la diagnosi, sulla base del quadro clinico e di specifici esami di laboratorio o strumentali, potrà essere decisa la terapia, che deve essere sempre individualizzata da caso a caso e che si basa, a seconda che si tratti di una secrezione in difetto od in eccesso, su terapie SOSTITUTIVE o SOPPRESSIVE. In qualche caso si rende necessario un trattamento chirurgico, al quale deve seguire generalmente una terapia sostitutiva.

Nella maggior parte dei casi il trattamento riesce a risolvere la sintomatologia, ma necessita quasi sempre in seguito di periodici controlli ed aggiustamenti del dosaggio della terapia stessa.

 

Semplificare la vita del paziente

Tutte le patologie della tiroide e quelle delle altre ghiandole endocrine richiedono come detto, una volta accertate, periodici controlli dei valori ormonali con cadenza variabile, che devono essere associati in alcune occasioni al controllo ecografico e ad una visita che permetta di aggiustare la terapia. Un imperfetto controllo del dosaggio della terapia sostitutiva o soppressiva possono avere infatti importantissime ripercussioni sulla qualità di vita del paziente, sul suo tono dell’umore, sulla sua attività lavorativa, sulle sue relazioni interpersonali, sulla sua attività fisica.

Presso i centri medici La Quintana e Chirofisiogen Center sono stati attivati dei pacchetti, pensati per semplificare la vita del paziente, che permettono di eseguire nel giro di pochi minuti il controllo degli esami ormonali, un indagine ecografica, quando indicata, ed una valutazione con un endocrinologo esperto di livello internazionale, al fine di permettere un adeguato aggiustamento della terapia in unico tempo reale e senza liste di attesa. Questo diviene ancora più importante in condizioni particolari, come la gravidanza, l’età pediatrica od adolescenziale, le persone anziane, che possono cosi trovare una risposta individualizzata particolarmente accurata, in un ambiente confortevole e rilassato nel giro di pochi minuti. Analogo vantaggio sussiste per le persone con impegni lavorativi o che svolgono attività sportiva agonistica, in cui il procrastinarsi degli aggiustamenti terapeutici possono rappresentare un danno importante. 

 


Dr. Piero Ferolla

 

Medico Chirurgo Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio

Dottore in Fisiopatologia Nutrizionale, Endocrina e Metabolica

Professore di II Fascia settore concorsuale 06/D2 

(Endocrinologia, Nefrologia, Scienze dell’Alimentazione e del Benessere) 

Coordinator Multidisciplinary Group for Diagnosis and Treatment of Neuroendocrine Tumors (Rete Oncologica Regionale dell’Umbria) 

National Scientific Committee Coordinator 

A.I NET (Italian Neuroendocrine Tumors Association)

 

Specialista in Endocrinologia presso Chirofisiogen Center e Centro Medico La Quintana

 


 

 

Per saperne di più e prenotare la tua prossima visita consulta il servizio sui nostri siti

Nov 03
Malattie della tiroide e delle altre ghiandole endocrine

Quando sospettarle, come trattarle e come semplificare la vita del paziente. Le…

Ott 22
Malattie Reumatiche: con la Risonanza Magnetica Total Body la diagnosi è veloce ed efficace

Soprattutto per le malattie infiammatorie articolari, la RMN Total Body è diventata la…

Ott 07
Mal di schiena e dolore cervicale? Grazie alla fisioterapia si può evitare la chirurgia

La Fisioterapia, attraverso tecniche di terapia manuale e strumentale, oltre che alla…