Quanto è pericoloso avere la prostata ingrossata?

Quanto è pericoloso avere la prostata ingrossata?

Circa la metà degli uomini sopra i 50 anni ha la prostata ingrossata, una condizione nota come ipertrofia prostatica benigna, che si verifica quando la ghiandola prostatica, una ghiandola che produce il liquido seminale situata intorno all’uretra, diventa più grande della norma (solitamente, la sua dimensione è simile a quella di una noce).   

Poiché l’aumento della prostata avviene gradualmente, molti uomini sono convinti che i sintomi facciano parte del normale processo di invecchiamento, e ritardano i controlli. Ma, se non trattata, l’ipertrofia prostatica benigna può portare a conseguenze anche gravi, come un’improvvisa incapacità di urinare, infezioni del tratto urinario e danni alla vescica o ai reni.

 

Quali sono i sintomi della prostata ingrossata?

 

Quando il volume della prostata si ingrossa, può causare l’occlusione del canale uretrale, impedendo alla vescica di svuotarsi completamente, con un conseguente ristagno di urina anche a livello renale. Pertanto, i sintomi dell’ipertrofia prostatica benigna sono di tipo irritativo e ostruttivo, e comprendono:

  • Difficoltà a urinare
  • Flusso di urina lento o gocciolamento
  • Frequente bisogno di urinare (anche durante la notte)
  • Incapacità di svuotare la vescica
  • Dolore durante la minzione o dopo l’eiaculazione

 

 

Quali sono i pericoli di una prostata ingrossata?

 

Se non trattata, l’aumento della ghiandola prostatica può portare a conseguenze sempre più gravi per le quali è necessario l’intervento medico:

· Ostruzione completa dell’uretra

· Danni alla muscolatura della vescica o ai reni, fino all’insufficienza renale

· Infezioni del tratto urinario

· Calcoli vescicali

Queste condizioni possono causare dolore alla schiena o al basso addome, incapacità di urinare, dolore, febbre, brividi durante la minzione, e sangue nelle urine.

 

Come avviene la diagnosi?

 

Per avere un quadro più completo, l’urologo può richiedere esami per escludere la presenza di un’infezione (esame urine ed urinocoltura), controllare il flusso urinario e assicurarsi di un possibile mancato svuotamento della vescica (uroflussometria con controllo del residuo post-minzionale), stabilire il preciso volume prostatico nell’eventualità in cui si renda necessario un intervento disostruttivo (ecografia prostatica trans-rettale), identificare i valori del PSA (antigene prostatico specifico), mediante esame di laboratorio fatto su un prelievo di sangue.

 

Quali esami è possibile prenotare presso le strutture sanitarie del Brugnoni Group Sanità?

  • Visita specialistica urologica 
  • Uroflussometria con residuo post minzionale
  • Ecografia apparato urinario
  • Ecografia ed ecodoppler scrotale
  • Ecografia prostatica teansrettale
  • Ecodoppler pensiero in farmaco erezione
  • Rm multiparametrica
  • Rm biparametrica
  • Biopsia della prostata sotto guida Rm

 


Brugnoni Group Sanità

 

 


 

Per saperne di più e prenotare la tua prossima visita consulta i nostri siti

Lug 13
Ecografia e mammografia: Quali le differenze e le finalità di questi 2 esami così importanti per ogni donna

Il carcinoma della mammella è una neoplasia di grande rilevanza epidemiologica,…

Giu 27
Quanto è pericoloso avere la prostata ingrossata?

Circa la metà degli uomini sopra i 50 anni ha la prostata ingrossata, una condizione…

Mag 09
Melanoma: che cosa è e come può essere diagnosticato?

La pandemia COVID-19 che stiamo vivendo e che sta incidendo profondamente nelle nostre…