Angiomi rubino: cosa sono e come rimuoverli in pochi minuti

Angiomi rubino: cosa sono e come rimuoverli in pochi minuti

Non sono associati a nessuna patologia e sintomatologia. Per rimuoverli basta il laser ambulatoriale

 

 

L’angioma rubino è un frequente inestetismo della pelle. Non si tratta pertanto di una vera e propria malattia, quanto di un problema estetico della nostra cute, pur essendo inquadrabile comunque all’interno della categoria dei tumori di natura benigna originati dalla parete interna (endotelio) di un vaso sanguigno. Può essere paragonato ad un piccolissimo gomitolo di piccoli vasi ematici.

L’angioma rubino, chiamato anche emangioma rubino, angioma ciliegia, angioma senile o angioma di Campbell de Morgan (il primo medico chirurgo britannico che nella prima metà del 1800 lo studiò e codificò), è un rilievo solido della cute che si presenta di colore rosso vivo da cui il nome “rubino” e “ciliegia”. Tale colorazione è determinata dalla presenza dei vasi sanguigni capillari che si aggregano all’interno.
Generalmente l’evoluzione dell’angioma rubino è molto graduale. All’inizio le dimensioni dell’angioma sono estremamente contenute, pari alla punta di uno spillo. Successivamente, aumentano la propria ampiezza, di norma arrivando a circa 3-5 millimetri o, più raramente, un centimetro. Non sono associati a nessuna sintomatologia, non danno dolore o altra sensazione locale come prurito o fastidio. Il paziente però ha disagio per l’inestetismo a cui si correla vedere la propria cute macchiata da punti rossi, soprattutto quando sono molto numerosi, e quando sono localizzati in sedi come il volto.

 

Colpiscono indistintamente uomini e donne dopo i 30 anni e spesso per familiarità

 

Quando raggiungono dimensioni centimetriche e sono esofitici (rilevati sui piani cutanei) o sono posti in sede di sfregamento possono essere facilmente traumatizzati, possono irritarsi e sanguinare copiosamente.

Le condizioni che possono facilitare la comparsa di angiomi rubino sono la familiarità (nella cute dei pazienti che ne presentano numerosi sono stati trovati ridotti livelli di microRNA427 con relativa iperproduzione di proteine che inducono proliferazione vascolare), alcuni farmaci (ciclosporina e bromuri), sole, età (aumento del numero dopo i 30 anni; più del 75% delle persone sopra i 75 anni sarebbe portatore di almeno un angioma rubino), assetto ormonale (aumento in gravidanza), disordini epatici, ipofisari e intestinali.

Non hanno preferenze per una razza in particolare, colpiscono ugualmente uomini e donne. Sebbene possano svilupparsi in una qualsiasi zona cutanea del corpo umano, l’angioma rubino ha una particolare preferenza per tronco, braccia, gambe e spalle. Non ha conseguenze negative (non degenera in un tumore maligno) e dunque non necessita di un trattamento obbligatorio per la salute del paziente, tuttavia, se soggetto a ripetuti sanguinamenti, o se avvertito come fastidioso inestetismo, il paziente può tranquillamente richiedere al dermatologo la sua rimozione.

 

L’angioma rubino provoca una macchia di colore rosso porpora sulla pelle dovuta ad un anomalo sviluppo delle cellule dei capillari che si trovano nel derma e nell’epidermide

 

L’evoluzione delle possibilità di trattamento rispetto al passato (chirurgia, crioterapia , etc.) oggi permette di rimuoverli in pochi minuti tramite tecnologie laser. Uno dei laser che offre i migliori risultati è il NeodimioYAG, laser costituito da un cristallo di neodimio, ittrito, alluminio e granato. L’energia del laser vascolare Nd-Yag (Neodimio YAG) che emette una lunghezza d’onda pari a 1064 nm, penetra nei tessuti e coagula selettivamente il sangue senza danneggiare l’epidermide (principio di foto-termolisi selettiva che consente di coagulare solamente la lesione da asportare). Il raffreddamento della superficie della pelle prima, durante e immediatamente dopo il trattamento, permette di impiegare fluenze medio-elevate che migliorano i risultati di coagulazione dell’angioma, previene il danno all’epidermide e riduce il disagio per il paziente.

 

L’angioma rubino è un piccolo rilievo sulla pelle di colore rosso vivo. Può essere singolo o multiplo (più angiomi raggruppati gli uni adiacenti agli altri)

 

La seduta di rimozione degli angiomi rubino è rapida, viene praticata in ambulatorio, non necessita di anestesia e non comporta l’interruzione delle normali attività quotidiane e lavorative dopo il trattamento. Il flusso di luce del Laser Nd-Yag viene direzionato direttamente sull’angioma da rimuovere. Il paziente avverte un leggero bruciore sopportabile e fugace. L’angioma rubino subisce un viraggio di colore dal rosso al grigio-nero, si indurisce e nei giorni successivi si stacca senza lasciare segno. Dopo la seduta il paziente non ha ferite, non ha cerotti e non deve eseguire medicazioni locali.

 


Dr.ssa Veronica Bellini

 


 

Per saperne di più e prenotare la tua prossima visita consulta i nostri siti

Set 14
Lo sai che la colonscopia può essere virtuale?

Indagine gold per la diagnosi del tumore del colon-retto, la colonscopia è un esame…

Lug 21
La sincope nell’anziano: i casi aumentano in estate

Quadro clinico che comporta perdita di coscienza e incapacità di mantenere il tono…

Lug 06
Umbria Jazz sceglie Chirofisiogen Center

Umbria Jazz sceglie Chirofisiogen Center per la sicurezza di tutti gli operatori e…