Più infezioni vaginali in estate? La prevenzione passa per la visita ginecologica e il tampone

Più infezioni vaginali in estate? La prevenzione passa per la visita ginecologica e il tampone

Il caldo e la relativa umidità nella zona genitale diventano terreno fertile per batteri e miceti

Bruciore, prurito, perdite abbondanti e dolori: questi sono i tipici sintomi delle infezioni vaginali.

 

Come mai si manifestano più frequentemente d’estate? Come prevenirle?

 

Responsabili nella maggior parte dei casi delle infezioni vaginali sono batteri e miceti che si riproducono con grande rapidità in un ambiente caldo e umido.

L’aumento delle temperature d’estate è accompagnato da una maggiore sudorazione e lo sviluppo di calore provoca un aumento anche dell’umidità nella zona genitale che, insieme alla riduzione di flusso d’aria, crea un terreno fertile per batteri e miceti.
La sudorazione aumenta maggiormente con indumenti attillati e mutandine sintetiche. In particolare il perizoma può facilitare la trasmissione di germi patogeni a livello di anovagina.

Anche l’incremento dell’attività sessuale, nel periodo primaverile-estivo, aumenta le probabilità di infezioni vaginali.
Oltretutto d’estate, con bagni frequenti e costumi da bagno umidi, si provoca un rigonfiamento delle mucose vaginali che facilita la penetrazione ai miceti.

 

La protezione da infezioni vaginali

 

I lattobacilli, cosiddetti batteri di Döderlein, sono batteri naturali della vagina che provvedono a mantenere un ambiente acido (PH ideale 4,0) e ad impedire la penetrazione di germi.

Un’igiene intima esagerata con saponi aggressivi o lavande vaginali altera l’equilibrio naturale dell’ambiente vaginale.
D`estate indossare preferibilmente mutandine di cotone per mantenere la pelle fresca e asciutta. Meglio anche abiti che permettano maggiore aerazione e movimento.
In spiaggia, non stare troppo a lungo con il costume da bagno umido, cambiarsi con un ricambio asciutto.
Non depilarsi poco prima di andare in spiaggia o piscina, ma almeno 24ore prima, per evitare che le microlesioni cutanee facilitano la penetrazione di germi.
Usare assorbenti interni e cambiarli frequentemente.
Bere molto, possibilmente 2 litri al giorno.

 

Cosa fare in caso di sintomi da infezione vaginale

 

La maggior parte delle donne tende a risolvere le infezioni vaginali con metodi fai-da-te, rischiando di peggiorare la situazione provocando recidive o cronicità.
Meglio rivolgersi a un medico ginecologo, per identificare il problema ed eventualmente se c’è la reale presenza di un’infezione.
Con una diagnostica approfondita (tamponi, striscio a fresco, microscopio, colture) il medico ginecologo potrà identificare il tipo di patogeno che causa la sintomatologia e predisporre una terapia specifica, dato che le cura varia in particolare se si tratta di batteri, batteri intestinali o miceti.

 


Dr.ssa Claudia Agostini

 


 

Per saperne di più e prenotare la tua prossima visita consulta i nostri siti

Set 14
Lo sai che la colonscopia può essere virtuale?

Indagine gold per la diagnosi del tumore del colon-retto, la colonscopia è un esame…

Lug 21
La sincope nell’anziano: i casi aumentano in estate

Quadro clinico che comporta perdita di coscienza e incapacità di mantenere il tono…

Lug 06
Umbria Jazz sceglie Chirofisiogen Center

Umbria Jazz sceglie Chirofisiogen Center per la sicurezza di tutti gli operatori e…