Displasia dell’anca: la prima ecografia dopo 40 giorni di vita

Dopo la nascita tutti i neonati vengono esaminati per la presenza di displasia dell’anca.

 

Si tratta di un esame di routine per un’anomalia (2/1000 nati) che si sviluppa quando l’articolazione non si è formata normalmente e la testa femorale non è stabile in modo corretto nella cavità articolare, con il rischio di una lussazione evolutiva.

Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Barbara Barzi, ecografista pediatrica presso il Centro Medico La Quintana a Foligno e il Centro Medico Polispecialistico Delta Implants a Perugia.

 

Quali sono le cause?

 

Le cause delle displasia congenita dell’anca (Developmental dislocation of the Hip nella letteratura anglosassone) non sono note. Riconosciuti sono però i fattori di rischio come: familiarità, presenza podalica e sesso femminile del neonato.

 

Quali i sintomi?

 

Non ci sono sintomi nel neonato, bensì un evidente quadro clinico di instabilità. I segni da ricercare sono: la presenza di scatto articolare, deficit di abduzione dell’anca e segno di Galeazzi (arto più corto nel lato affetto, causato dalla risalita femorale).

 

Diagnosi

 

La diagnosi è certamente clinica, facile nel periodo neonatale, meno evidente nel bambino di qualche mese o più.

L’ecografia dell’anca aiuta, ma non va eseguita prima dei 40 giorni di vita, periodo rischio di falsi positivi.

La radiografia del bacino può risultare utile dopo il 5° mese di vita.

Sarà lo specialista a consigliare l’esame strumentale più opportuno.

 

Come si cura?

 

L’unico trattamento utile è l’utilizzo di bretelle di Pavlik (divaricatore dinamico, a bretelle, che facilita con il movimento delle gambe del neonato, la riduzione e la stabilizzazione dell’anca), fino alla riduzione della lussazione, evidenziata da ecografia/radiografia del bacino e dalla scomparsa del segno dello scatto.

Altri tipi di divaricatori, come quello di Milgram (il più usato), possono essere consigliati, specie nel bambino più grande (dopo i 6 mesi).

Qualora il trattamento conservativo fallisse, potrà essere indicata la chirurgia, comunque, sempre più rara, grazie alla diagnosi e al trattamento precoci.

Sarà lo specialista a consigliare l’esame strumentale più opportuno.

 


Dott.ssa Barbara Barzi

 

Ecografista pediatrica presso il Centro Medico La Quintana a Foligno e il Centro Medico Polispecialistico Delta Implants a Perugia.

 


 

Per saperne di più e prenotare la tua prossima visita consulta i nostri siti

Mar 29
Displasia dell’anca: la prima ecografia dopo 40 giorni di vita

Dopo la nascita tutti i neonati vengono esaminati per la presenza di displasia…

Mar 16
Diagnosi precoce avanzata con la Risonanza Magnetica Whole Body

Grandi passi avanti nell’evoluzione tecnologica hanno senza dubbio caratterizzato…

Mar 02
Test Covid-19: quali sono e cosa evidenziano

In Chirofisiogen Center e Centro Medico La Quintana si eseguono test sierologici…